Contatore sito Alpini del 2░/66

 

 Ritorna alla pagina principale

Se volete comunicare

 

BRA

L'arrivo

Quei centomila

 

 

QUADri

('66 - '67)

 

Uff. Superiori

Col. Sala

Ufficiali

Cap. Anderi

S.Ten. Biletta

S.Ten. Moretti

S.Ten. Pietoso

Sotto Ufficiali

M.Mag. Liaci

Serg. Durante

Serg. Rigamonti

Serg. Gandolfo

 

Il GIURAMENTO

 

Cuneo 31 luglio '66

La Cerimonia

 

L'arrivo a Bra Ŕ stato per tutti noi l'inizio di una avventura che difficilmente potremo scordare. L'impatto, vissuto con un poco di timore avveniva per tutti alla Stazione di Bra dove ci attendevano i nostri istruttori, visti prima con un poco di timore, per scoprirli in seguito come fratelli maggiori.

 

 Ci guardavamo in faccia un poco spauriti e lasciavamo la nostra baldanza fino a poco prima dimostrata, forse, per esorcizzare il nostro timore.

Erano tempi diversi. Per molti di noi l'allontanamento da casa era una cosa nuova, senza precedenti, che eravamo curiosi noi stessi di ci˛ che avrebbe rappresentato nel nostro immediato futuro.

Subito inquadrati, con le nostre valigette in mano, ci accingemmo a compiere la poca distanza che ci separava dalla nostra nuova casa, la Caserma Trevisan.

Per alcuni la casa di tutta la naja ma per molti di noi

solamente una casa provvisoria dove avremmo imparato i primi fondamenti della vita militare prima di partire verso i lontani Reggimenti.

La nostra caserma ieri e oggi

Il periodo del C.A.R. e forse quello pi¨ anonimo perchŔ seguito da avvenimenti forti vissuti ai nostri Battaglioni e alle nostre Compagnie. Fatica, amicizia, nostalgia di fidanzate e famiglie lontane sono forse i ricordi pi¨ indelebili nella nostra mente, ma quando ci soffermiamo a pensare pi¨ intensamente al nostro servizio militare, ti rendi conto che quel primo periodo Ŕ stato quello che, sotto la guida dei nostri Ufficiali e accompagnati per mano dai nostri Caporali Istruttori sanciva il nostro marchio e ci ha dato l'imprinting di Alpini che abbiamo saputo in seguito sviluppare e del quale siamo tutt'oggi fieri. Per questo motivo ancora oggi li ricordiamo non solamente con rispetto ma anche con affetto.

 

 
 

Sito ottimizzato per Internet Explorer 5 o superiore

Ultimo aggiornamento 08 settembre 2015